Dente-rotto-o-spezzato-1200x630.jpg
15/Ott/2021

Dente rotto o spezzato:
le prime cose da fare

Un dente rotto, spezzato o scheggiato può capitare per svariati motivi ed è sempre importante non andare nel panico: oggigiorno è possibile trovare soluzioni efficaci e con buona probabilità non invasive, ma ci sono alcune prime cose da fare per scongiurare possibili complicazioni.

I denti, anche se sani e forti, possono infatti subire piccole o grandi fratture, creparsi o rompersi in determinate situazioni.

Quali sono le cause di un dente rotto o spezzato?

La causa principale della rottura di un dente è di natura traumatica, conseguenza di un colpo ricevuto in seguito a una caduta, praticando sport o attività fisica. Ma i motivi possono essere molteplici e non sempre accidentali, a volte può verificarsi per cattive abitudini, scarsa attenzione e sottovalutazione di alcuni sintomi, per esempio nei casi di:

  • una carie non curata, che indebolisce il dente e lo rende più fragile
  • una forma grave di bruxismo, cioè digrignamento dei denti, soprattutto durante il sonno 
  • un morso a un cibo solido e molto duro

In tutti i casi è indispensabile capire l’entità della frattura. Se piccola e superficiale è possibile non rechi dolore, col rischio però che venga sottovalutata e trascurata, mentre se più profonda e vasta può essere dolorosa e il danno può intaccare il nervo o rendere la polpa esposta al freddo e al caldo.

Quali sono le prime cose da fare in caso di dente rotto o spezzato?

Ci sono vari accorgimenti che si possono prendere sin da subito quando capita di rompere, spezzare o scheggiare un dente, per evitare il peggiorare della situazione.

Nell’immediato è però fondamentale contattare un centro dentistico dove recarsi il prima possibile, solo un medico odontoiatra ha infatti capacità ed esperienza per valutare con precisione il danno ricevuto e lo stato di salute del dente. È importante giungere a una diagnosi in tempi brevi così da individuare la soluzione migliore per ripristinare l’aspetto estetico e funzionale del dente danneggiato.


PRENOTA SUBITO

Nel frattempo, in attesa di sottoporsi alla visita dal dentista, specialmente se si è impossibilitati a farlo il giorno stesso perché domenica o giorno festivo, si possono adottare le seguenti accortezze per alleviare il dolore e assicurare un’igiene adeguata:

  1. Fai un risciacquo della bocca con acqua tiepida o salata così da ridurre l’infiammazione
  2. Applica del ghiaccio ponendolo sulle guance o sulle labbra se conseguente a un forte trauma per evitare il gonfiore e alleviare il dolore 
  3. Utilizza una garza sterile per tamponare un’eventuale sanguinamento assicurandosi che il sangue smetta di uscire
  4. Lava i denti regolarmente al fine di non trascurare l’igiene, poiché un dente rotto è più debole e possono proliferare batteri ed infezioni
  5. Mangia cibi morbidi ed evitare di masticare con il dente danneggiato
  6. Conserva la parte mancante del dente rotto in un recipiente con una soluzione fisiologica o anche del semplice latte 

Seguire tutte queste regole agevola il compito dell’odontoiatra ed è possibile evitare l’aggravarsi della situazione. 

Quali soluzioni esistono per un dente rotto o spezzato?

È bene ribadire che i rimedi sopracitati non sono sufficienti e sono solo temporanei, è sempre e comunque necessario sottoporsi ad una valutazione approfondita per individuare la soluzione migliore per ripristinare la situazione in modo definitivo.

In base alla gravità del danno si aprono diverse possibilità, una delle quali può essere riposizionare il frammento mancante. Ci sono tanti altri trattamenti che, anche in base alla tipologia di rottura, possono intervenire sull’aspetto estetico o funzionale, per esempio:

  • applicazione di faccette dentali per coprire un difetto estetico solitamente sugli elementi anteriori
  • otturazione in composito, se è solo una leggera scheggiatura
  • smussatura del dente se il danno è molto superficiale, altrimenti rischia di danneggiare eccessivamente l’estetica
  • utilizzo di una corona dentale qualora la rottura fosse più ampia e la porzione di dente mancante più grande

Nei casi più gravi può esser necessaria una devitalizzazione o estrazione del dente.

Non aspettare!

Rivolgiti subito ad un Centro Dentistico SMILE ed affidati al personale medico esperto. È importante non sottovalutare il danno e ripristinare quanto prima la situazione per mantenere un buono stato di salute orale e generale.

PRENOTA UNA VISITA IMMEDIATA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


Odontofobia-1200x630.jpg
29/Lug/2021

Odontofobia: la paura del dentista
può avere gravi conseguenze

È comprensibile credere che, per molte persone, una visita dentistica non sia l’appuntamento più piacevole da inserire in agenda. Ma quando si manifesta una paura verso il dentista, in alcuni casi anche forte, ansie e timori possono essere considerati come una vera e propria malattia: l’odontofobia è riconosciuta infatti anche dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Questa patologia, se non viene affrontata in modo tempestivo, può portare a gravi conseguenze sulla salute orale, e quindi anche generale, del paziente. È quindi importante conoscerla per saper individuare i sintomi ed approcciarsi nel migliore dei modi con l’obiettivo di superare questa paura irrazionale.

Cos’è l’odontofobia?

L’odontofobia può essere definita come un intenso stato di paura nei confronti del dentista e delle cure odontoiatriche, generalmente prolungato, non giustificato e incontrollabile. Tale condizione induce comportamenti chiaramente identificativi del paziente odontofobico, una persona disposta a sopportare dolori e sofferenze piuttosto che sottoporsi ad una seduta odontoiatrica, e che per questo tende a rimandare sempre gli appuntamenti.

È infatti sufficiente, per una persona che soffre di questa paura, solo il pensiero per evocare (o rievocare, dato che in molti casi la paura è generata da una precedente esperienza poco piacevole) sensazioni negative. In altri casi, ad ampliare il disagio possono essere l’inconfondibile rumore degli strumenti dentistici come il trapano o il classico odore presente negli studi.

Come riconoscere i sintomi della paura del dentista?

È molto importante saper riconoscere i sintomi del paziente odontofobico per trovare le soluzioni più adeguate ad affrontare le ansie. Diversi sono i segnali e variano da persona a persona, possono manifestarsi insieme o anche singolarmente: 

  • Ansia al pensiero di problemi legati alla salute dentale o a interventi di chirurgia orale
  • Sudorazione eccessiva, tachicardia, ipertensione, tensioni muscolari
  • Mancanza di respiro o iperventilazione
  • Irrequietezza ed attacchi di panico
  • Vertigini, capogiri e sensazione di nausea, finanche allo svenimento
  • Particolari comportamenti durante la visita, come conati di vomito, incapacità di mantenersi fermi in una posizione comoda e rilassata

Come superare l’odontofobia?

Nei Centri Dentistici SMILE lavoriamo ogni giorno per rispondere ad ogni esigenza dei nostri pazienti, impegnandoci per mettere a proprio agio anche i pazienti più ansiosi: il nostro staff è formato e preparato, a disposizione sin dal primo contatto telefonico ed ingresso in struttura.

Grazie a una iniziale consultazione telefonica è possibile informarsi circa le soluzioni adottate nelle strutture e anticipare al personale le proprie ansie e timori, passo molto utile per poter individuare insieme il metodo migliore per superare l’odontofobia. I possibili rimedi variano dalle tecniche comportamentali ai farmaci, in base alle disponibilità della struttura di riferimento: 

  1. Tecniche di rilassamento e controllo comportamentale: sulla poltrona dentistica può essere molto utile eseguire esercizi di respirazione profonda e rilassamento muscolare
  2. Tecniche sedative e anestesiologiche: con la collaborazione di un anestesista, in particolari strutture attrezzate è possibile richiedere la sedazione cosciente, in grado di indurre una condizione di rilassamento, controllo della paura ed amnesia per tutto il tempo del trattamento, oppure, in casi di estrema paura, la sedazione profonda o anestesia generale.

Al paziente ansioso consigliamo anche altri utili accorgimenti che possono agevolare la riduzione della paura del dentista, suggeriamo per esempio di:

  • Venire ad incontrare lo staff e il dottore in un incontro conoscitivo prima della vera seduta dentistica
  • Farsi accompagnare da un caro familiare o un amico di fiducia
  • Prenotare l’appuntamento di prima mattina, così da non accrescere l’ansia durante la giornata

Conseguenze della paura del dentista

Un paziente odontofobico, se non in grado di affrontare e superare le proprie ansie, può aggravare la propria salute orale e generale. Le conseguenze dell’odontofobia, causate dall’incapacità di sottoporsi a cure odontoiatriche adeguate, a volte anche di fissare un semplice controllo dentistico, possono essere gravi: 

  • accumulo di placca e tartaro, se non vengono eseguite sedute professionali di igiene orale periodiche (almeno ogni 12 mesi)
  • insorgenza di carie, anche profonde ed importanti. La carie infatti non guarisce spontaneamente, se non trattata può degenerare in pulpite ed evolversi in ascesso intaccando completamente polpa e radici del dente
  • maggior probabilità di gengivite, cioè l’infiammazione delle gengive causata da un’insufficiente igiene orale. La gengivite, che causa dolore, sanguinamento e ipersensibilità alle gengive, se non curata tempestivamente, può causare la piorrea, nota come parodontite, uno stato di infiammazione cronico e irreversibile delle gengive che ne provoca la recessione
  • come conseguenza di tutte le condizioni sopracitate c’è la perdita dei denti
  • una bocca non curata, con stadi di infezione avanzati ed elementi dentali mancanti, può ripercuotersi sullo stato di salute generale psicofisico della persona, limitandolo nell’alimentazione, nella digestione e nella sfera sociale

Vuoi sapere di più?

Chiamaci per conoscere lo staff e il personale medico dei Centri SMILE, potrai prenotare un appuntamento in tutta serenità con un nostro medico odontoiatra esperto. Non sottovalutare i rischi e agisci tempestivamente: la visita è comprensiva di valutazione clinica approfondita, completa di esami diagnostici se ritenuti necessari del medico ed eventuale piano di cura personalizzato.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


sanguinamento-gengivale-1200x630.jpg
25/Gen/2021

Sanguinamento gengivale:
un segnale da non sottovalutare

Il sanguinamento gengivale non è mai fisiologico, anche la minima traccia di sangue che possiamo riscontrare nella saliva o durante la quotidiana igiene orale è un segnale da non trascurare. Le gengive infatti non dovrebbero sanguinare in una condizione normale, pertanto è un allarme che è bene non sottovalutare.

Le gengive sono molto importanti per la salute dei denti e in generale per la funzionalità della bocca, dato che sono responsabili di proteggere adeguatamente l’osso su cui si sostengono proprio gli elementi dentali. Con il termine gengiva si intende infatti quel tessuto molle che riveste in superficie le ossa mascellare e mandibolari, un elemento fondamentale del parodonto.

Le gengive in salute si mostrano con un colore rosa chiaro e la loro forma segue la regolare morfologia dei denti.

Perché le gengive sanguinano?

Una gengiva sanguinante è spesso una gengiva infiammata. La si può generalmente riconoscere perché apparire arrossata, gonfia o anche lucida. L’infiammazione delle gengiva è causata nella gran parte dei casi da un’igiene orale inadeguata, dovuta da cattive abitudini come:

  • pulizia dei denti irregolare, saltuaria o affrettata
  • spazzolamento eccessivamente energico
  • mancato utilizzo di filo interdentale e collutorio
  • igiene dentale professionale non eseguita a intervalli regolari 

Se queste consuetudini si protraggono nel tempo diventano responsabili dell’accumulo di placca e tartaro che, depositandosi nei colletti, cioè tra i denti e le gengive, oltre ad infiammare la gengive ne comportano il graduale ritiro. Questo stato infiammatorio è definito gengivite.

Altri motivi che possono condizionare o aggravare il sanguinamento gengivale sono:

  • tabagismo
  • assunzione di alcuni farmaci, come gli anticoagulanti
  • cambiamenti ormonali, come l’aumento del progesterone in stato di gravidanza
  • carenza di vitamina C e K che ne indebolisce i tessuti

Attendere che la condizione di arrossamento o addirittura sanguinamento possa aggravarsi è molto rischioso, prenota adesso una visita di controllo presso uno dei Centri Dentistici SMILE.


PRENOTA QUI

Quali sono i rimedi alla gengivite?

Sane abitudini quotidiane e comportamenti virtuosi consentono di preservare la salute delle gengive e prevenirne l’arrossamento e il sanguinamento, oltre ad invertire il processo infiammatorio. Alla base c’è sicuramente una corretta igiene orale con alcune semplici regole:

  • spazzolare i denti tre o quattro volte al giorno, preferibilmente dopo ogni pasto
  • utilizzare uno spazzolino con setole morbide e evitare di strofinare le gengive con eccessiva forza
  • pulire gli spazi interdentali passando delicatamente il filo

Inoltre è bene evitare fumo e alcool, che possono aggravare intaccare lo stato di salute delle gengive, e sottoporsi ad ablazione del tartaro professionale regolarmente, ogni 6 o massimo 12 mesi.

La gengivite è infatti un’infiammazione reversibile, che può cioè essere curata seguendo queste buone norme. Nel caso venisse però trascurata, sottovalutando i segnali che il nostro corpo ci dà, anche quelli lievi, può degenerare in patologie come la parodontite e avere cause molto più gravi, fino alla perdita dei denti. I sintomi, oltre all’arrossamento e sanguinamento, sono:

  • ipersensibilità al freddo e al caldo
  • gonfiore e dolore
  • alterazione dei sapori
  • alitosi

Quando si manifestano questi sintomi, è consigliato chiedere un consulto medico, recandosi da un dentista.

Quali sono le conseguenze della gengivite?

Abbiamo detto sin da subito che i sintomi delle gengivite, come ad esempio il sanguinamento, non sono da sottovalutare. Il motivo è presto detto: le conseguenze di tale disturbo possono essere molto gravi per la salute della bocca.

Una prima conseguenza può essere la recessione gengivale, che si mostra con gengive ritirate. Questa condizione può comportare innanzitutto la mobilità dei denti, oltre a dolore e sensibilità, poiché le gengive restano esposte.

Una volta avviato questo processo, il rischio è che se non trattata tempestivamente, la gengivite può peggiorare in piorrea, nota come parodontite. Questa grave patologia parodontale è la principale causa di perdita dei denti, dato che l’infiammazione si estende a tutti i tessuti a sostegno del dente, quindi non solo gengive ma anche legamento parodontale e osso alveolare, definiti unitamente come parodonto. La parodontite è irreversibile pertanto è fondamentale prevenirla o almeno diagnosticarla tempestivamente.

La parodontologia è la branca dell’odontoiatria che studia i questi tessuti del parodonto, comprese quindi le gengive. In caso di sintomi come quelli sopracitati, rivolgersi a una struttura specializzata e chiedere un consulto con un medico odontoiatra esperto in parodontologia può risultare un’arma fondamentale nella prevenzione della perdita dei denti.

Vuoi sapere di più?

Prenota un appuntamento con un nostro medico odontoiatra esperto presso uno dei Centri Dentistici SMILE. Non sottovalutare i rischi e agisci tempestivamente: la visita è comprensiva di valutazione clinica approfondita, completa di esami diagnostici se ritenuti necessari del medico ed eventuale piano di cura personalizzato.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


prevenzione-covid-dentista-1200x630.jpg
11/Nov/2020

PROCEDURE PREVENZIONE COVID-19
Andare dal dentista si può. Ed è sicuro! 

I Centri Dentistici SMILE sono regolarmente operativi, perché si può andare dal dentista ed è sicuro.
Anche in questo particolare momento, in piena conformità agli ultimi DPCM e disposizioni governative, SMILE resta al servizio della salute orale di tutti i pazienti.

Nel rispetto delle più precise procedure di sicurezza, continueremo a garantire elevati standard di igiene, sterilità e sanificazione per contrastare il contagio da COVID-19.
In questo modo, consentiamo a tutti nostri pazienti di proseguire senza interruzioni i piani di cura in corso e di iniziare nuovi percorsi per migliorare la qualità della loro vita.

È possibile prenotare un appuntamento e recarsi presso i nostri Centri Dentistici motivando lo spostamento per questioni di salute.
Se si desidera, è possibile richiedere al proprio centro SMILE di fiducia l’email di giustificativo, con data e ora del proprio appuntamento.

PRENOTA QUI

Le misure anti-contagio dei Centri SMILE

Tutti i membri dello staff e l’equipe medica, odontoiatri ed igienisti, sono formati per attenersi alle norme introdotte con il protocollo anti-contagio in vigore da inizio dell’emergenza sanitaria, al fine di minimizzare il rischio di diffusione di covid-19. Vogliamo assicurare la possibilità di andare dal dentista in modo sicuro a tutti i cittadini.

Triage Telefonico e in Accettazione

Il giorno precedente all’appuntamento ogni paziente viene sottoposto a un triage telefonico in fase di conferma, durante il quale risponde ad una serie di domande mirate a prevenire l’ingresso in struttura a potenziali contagiati. Il questionario, che viene riproposto in forma cartacea all’ingresso nella struttura, indaga sullo stato di salute generale del paziente, su eventuali sintomi collegabili alla forma virale del Covid-19 e su contatti a rischio avvenuti negli ultimi 14 giorni.

Un paziente che risponde positivamente anche ad uno solo dei quesiti, non può accedere al Centro SMILE e rimandiamo il suo appuntamento a distanza almeno di 2 settimane.

Termoscanner

Nei Centri SMILE è presente una zona di pre-ingresso delimitata entro la quale ciascuno paziente attende la misurazione della propria temperatura corporea tramite termometro frontale. A chiunque dovesse essere rilevata una temperatura superiore a 37,5°C è inibito l’accesso al Centro Dentistico e rimandato l’appuntamento.

Mascherina e Gel Igienizzante

Ciascun paziente è tenuto ad indossare una mascherina chirurgica nelle aree dei Centri SMILE. Qualora un paziente si presentasse sprovvisto all’appuntamento, ne riceverà una dal personale mentre attende nella zona di pre-ingresso.
Una volta verificata la possibilità di poter accedere, ogni paziente viene invitato a utilizzare la soluzione idroalcolica per igienizzare le mani messa a disposizione in reception. In alternativa può recarsi in bagno per effettuare un lavaggio secondo la procedura esposta.

Deposito Effetti Personali e Copriscarpe

Il paziente ripone negli appositi armadietti posti nella zona di ingresso tutti i propri effetti personali, quali borse, giacche e cappotti. In questo modo gli oggetti potenzialmente contaminati non vengono introdotti nell’area clinica del Centro Dentistico. Per accedere all’area operativa in totale sicurezza, il paziente riceve in dotazione anche dei copriscarpe monouso.

Sala d’Attesa e Distanze di Sicurezza

Nei Centri Dentistici SMILE abbiamo posto in sicurezza tutte le sale d’aspetto e adibite per accogliere un numero massimo di pazienti consentito in base alle loro dimensioni, con distanze di sicurezza minime di 2 metri.
Tutte le superficie delle aree comuni sono sgombre e libere da materiali non indispensabili, quali riviste e fogli.

Gli accompagnatori, ad eccezione per i pazienti minori o disabili, sono invitati a restare all’esterno del Centro.

Dispositivi di Protezione

Tutto lo staff presente nei Centri SMILE, odontoiatri, operatori sanitari e personale amministrativo, ha in dotazione i dispositivi di protezione individuale adeguati per fronteggiare il rischio di contagio, come mascherine, visiere, camici monouso, occhiali e guanti.
La salute e la sicurezza nelle nostre strutture è sempre stato un pilastro della filosofia SMILE ed ancora di più in questo particolare momento rivolgiamo il nostro impegno quotidiano alla tutela di pazienti e operatori.

Sanificazione dei Locali

Riserviamo in agenda uno spazio adeguato tra un paziente e il successivo per permettere al personale di svolgere con cura tutte le fasi di sanificazione delle sale operative previste nei protocolli SMILE. Pulizia di tutte le superfici, sostituzione delle pellicole coprenti, disinfezione degli strumenti e svestizione del personale sanitario: tutte operazioni indispensabili per eliminare ogni eventuale traccia di virus.
 
Il tuo sorriso è importante, anche adesso! Per questo continuano a prendercene cura, in tutta sicurezza.


Affidati ad esperti e assicurati che vengano rispettati protocolli di qualità.

Prenota senza pensieri una visita di controllo accurata ed approfondita, nei Centri Dentistici SMILE andare dal dentista è sicuro e possibile: potrai godere di ambienti sicuri e personale qualificato per rispondere ad ogni tua esigenza.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


sedazione-cosciente-1200x630.jpg
16/Set/2020

Cos’è la sedazione cosciente e chi può farla?

Affrontare la paura del dentista non è sempre facile, l’odontofobia colpisce un gran numero di persone e può essere concausa di patologie al cavo orale trascurate e non curate. Col tempo infatti, ciò che può essere un leggero arrossamento alle gengive, si può aggravare in parodontite. Così come carie o ascessi possono essere conseguenza dell’accumulo di tartaro e placca non rimossi tramite una seduta di igiene dentale professionale. Una delle possibili soluzioni per alleviare ansie e timori è la sedazione cosciente, ma cos’è e chi può farla?

Disagio e paure possono essere ridotti o completamente eliminati grazie alla tecnica della sedazione cosciente, particolarmente indicata proprio per pazienti odontofobici: durante interventi di chirurgia orale, per otturazioni, devitalizzazioni o pulizie dentali approfondite, con questa tecnica il paziente può rilassarsi restando cosciente in uno stato di maggiore serenità.

In cosa consiste la sedazione cosciente?

Procedura

La sedazione cosciente richiede la presenza di un medico o di un anestesista e prevede la somministrazione di diversi farmaci in base al metodo con cui viene indotta. Le principali metodologie sono le seguenti:

  • Per inalazione tramite mascherina facciale, in un mix di protossido di azoto e ossigeno,
  • Via orale, con l’assunzione di farmaci della categoria delle benzodiazepine

La procedura è molto semplice e generalmente viene eseguita direttamente sulla poltrona dentistica: dopo essersi accomodati, si riceve la sedazione cosciente tramite uno dei metodi sopracitati ed in seguito si attende l’effetto dei farmaci, che può variare da pochi minuti (tramite iniezione ed inalazione) a 30-60 (via orale).

Prima e durante il trattamento, il medico monitora la pressione sanguinea ed il respiro.

Effetti e controindicazioni

La sedazione cosciente è una tecnica sicura, il che la rende adatta a quasi tutti i tipi di pazienti ed in particolare ai bambini, anche i più piccoli. Può essere praticata nei pazienti ansiosi, cardiopatici, ipertesi o anche epilettici e si rileva molto utile. Gli effetti sulla persona sono infatti:

  • rilassamento, benessere e serenità
  • controllo del dolore
  • stato di coscienza (si resta svegli e vigili)

Al termine del trattamento, l’effetto scompare rapidamente, il che rende il paziente in grado di poter fare rientro a casa in autonomia.

Questa tecnica ha alcune controindicazioni, se somministrata tramite inalazione, nel caso di difficoltà respiratorie, bronchiti croniche o sinusite. Allo stesso tempo, il protossido d’azoto ha il vantaggio di essere totalmente anallergico.

Si registrano alcuni effetti collaterali, che dipendono da persona a persona, riassumibili in:

  • brevi amnesie
  • rallentamento dei riflessi
  • mal di testa
  • spossatezza
  • formicolio alle estremità, come mani e piedi

Nei Centri Dentistici SMILE puoi contare sulla professionalità dei medici, un staff preparato e qualificato e tecnologie avanzate per accoglierti in tutta sicurezza e tranquillità anche in caso di trattamenti complessi.

Non rinunciare alla salute dei tuoi denti e a mostrare un sorriso bello e sano per la paura del dentista. Riabilita adesso le funzionalità della tua bocca: anche in caso di denti mancanti, possiamo trovare la soluzione migliore.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


Smile_Sito_Blog_Slider_1200x630-dentista-cucina-1200x630.jpg
04/Nov/2019

In cucina con il dentista

Tra medicina e alimentazione c’è un il legame indissolubile da tempo immemore, così come tra la salute dei denti e la nutrizione. A ricordarcelo, una famosa frase di Ippocrate, considerato il padre della medicina della Grecia antica:

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo

Non è quindi certamente una scoperta del ventunesimo secolo che l’alimentazione è indispensabile anche per la salute della nostra bocca e dei nostri denti, per questo nei Centri Smile suggeriamo una vera e propria dieta del sorriso!

In generale, ma ancor più nello specifico periodo post cure odontoiatriche, i nostri medici consigliano un regime alimentare preciso. La nostra bocca infatti è paragonabile ad un delicato ecosistema dove, per mantenere inalterato il suo equilibrio, è necessario porre particolare attenzione, specialmente sulla scelta dei cibi da ingerire. Affidati a medici esperti, chiedi consiglio con un check-up completo ed approfondito a uno dei dentisti Smile!

PRENOTA QUI

Attenzione agli zuccheri!

Nella nostra bocca risiedono numerose specie di batteri, responsabili della placca:

se non curata con attenzione, si corre il rischio di formazione della carie, conseguenza di un processo che trasforma lo zucchero presente in molti alimenti in un acido in grado di aggredire lo smalto dei denti.

Per evitare il “rischio carie” due regole primarie, chiare e semplici:

  1. limitare l’assunzione di cibi e bevande con un alto contenuto di zuccheri
  2. spazzolare sempre i denti alla fine di ogni pasto e ogni spuntino, anche se breve.

È bene ricordare a proposito che non è tanto la quantità di zuccheri a provocare la carie, ma la frequenza di assunzione.

Cosa non deve mai mancare in una dieta per la salute dei nostri denti

Per aiutare la prevenzione di patologie come gengiviti e malattie parodontali, oltre ad una attenta igiene orale, è consigliato seguire un’alimentazione nella quale non possono mancare:

  • Magnesio
  • Calcio
  • Zinco
  • Ferro
  • Manganese
  • Selenio
  • Vitamine C, E ed A

Una dieta con il giusto equilibrio di questi elementi, impedisce un calo delle difese immunitarie ed evita conseguenze dannose per tutto il nostro organismo, denti e bocca compresi.

Accorgimenti nell’alimentazione dei bambini

Il legame tra denti e nutrizione ci accompagna per tutta la vita, a partire dai primi piccoli dentini “da latte”.

Anche durante la permuta dei denti, con l’eruzione di quelli definitivi, è consigliata la somministrazione di cibi e bevande con particolari consistenze e temperature che aiutino ad alleviare il dolore di cui il bambino può soffrire, per esempio:

  • Ghiaccioli
  • Cubetti di ghiaccio divisi in pezzi più piccoli da sciogliere in bocca
  • Verdure crude e fredde come il finocchio e la carota

Il freddo ha infatti un effetto anestetico, quindi utili nella fase del “taglio” della gengiva da parte dei denti.

Ricordiamoci che molte delle abitudini alimentari completamente errate e dannose per l’equilibrio della nostra bocca vengono apprese da piccoli, quindi… proteggi il tuo bambino oggi per la sua salute di domani!

Creare il giusto rapporto tra denti e cibo è fondamentale sia per grandi che piccini.

Il cibo può essere utile per la salute dei nostri denti, siano quelli da latte che permanenti, offrendo magnesio, calcio e vitamine.
Ma può anche essere dannoso per lo smalto, per questo consigliamo buone abitudini e controlli periodici per un sorriso bello e sano!

È importante eseguire una valutazione clinica e una seduta professionale di igiene dentale almeno una volta ogni 12 mesi.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


Smile_Sito_Blog_Slider_1200x630-fashion-smile-1200x630.jpg
21/Ott/2019

Fashion Week… Fashion Smile

A diverse settimane dal termine della celebre Fashion Week che si è tenuta a Milano, noi dei Centri Smile abbiamo fatto una rassegna dei migliori sorrisi delle star che hanno partecipato all’evento.

Durante la Settimana della Moda, passerelle e abiti di tendenza sono sotto l’obiettivo di ogni critico, ma i nostri cacciatori di sorrisi si sono focalizzati sui volti e le espressioni che questo evento è in grado di regalare.

Guardando le modelle in passerella, volto serio e sguardo deciso… beh, non ne abbiamo trovato neanche uno. Ma è dalla passerella al red carpet che il sorriso fa la differenza!

PRENOTA QUI

I sorrisi dei VIP

Splendenti e radiosi quelli dei numerosi personaggi famosi e ospiti d’onore invitati da tutto il mondo.

Il risultato è stato un successone! Fotografi a caccia dello scatto più esclusivo e VIP pronti a farsi immortalare con i lori profili migliori: abbiamo deciso di raccogliere i più sgargianti in un book fotografico che li manda di diritto nell’Olimpo dei sorrisi perfetti della Fashion Week.

Scopriteli con noi!

Da sinistra a destra, come in una formazione di campionesse del Sorriso:

  1. La famosissima conduttrice televisiva Alessia Marcuzzi
  2. La conduttrice e giornalista italiana Benedetta Parodi
  3. La conduttrice televisiva Filippa Lagerback
  4. L’attrice statunitense Katie Holmes, ex moglie di Tom Cruise
  5. L’ex modella e showgirl Martina Colombari

Vuoi anche tu un sorriso da star?

Con i Centri Dentistici SMILE finalmente puoi, vieni a scoprire i nostri trattamenti di estetica dentale per un sorriso bello e sano!
Inizia con una seduta professionale di igiene dentale al costo 40€ e valuta un trattamento di sbiancamento dentale rapido ed efficace.

 

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


incidenti-denti-sport-1200x630.jpg
02/Ott/2019

Sport e denti, una relazione un po’ difficile

Come tutti sappiamo, lo sport è un valido alleato della nostra salute, ci fa sentire meglio, più tonici e in forma. Aiuta il rilascio delle endorfine, che migliora il nostro umore e ci regala quella sensazione di benessere tipica di quando si è appena finito di fare attività sportiva, oltre a mantenere un fisico allenato e giovane. Ma sport e denti, un legame più forte di quel che si possa pensare, non sempre sono andati d’accordo…

Leggi qui sotto, ci sono molti validi motivi per cui i dentisti dei Centri Smile ci mettono in guardia: in alcune situazioni, meglio prestare attenzione ai propri denti!

Top Five degli “inciDenti” più memorabili, quando sport e denti si scontrano

1. Aleksandar Kolarov: l’episodio risale al 2016, l’allora giocatore del Manchester City, a causa di uno scontro con un avversario perse un incisivo, ma terminò l’incontro uscendone vincitore. Negli spogliatoi, il secondo portiere dei citizens, Willy Caballero, lo immortalò in una fotografia che postò sui social: “Partita incredibile, vittoria per 2-1 contro lo United! In questa foto uno dei miei guerrieri. Riuscite a trovare l’unica cosa che ha perso oggi?

2. Isaiah Thomas: siamo nel 2017, il cestista statunitense, professionista nella NBA con i Washington Wizards, quando militava nei Boston Celtics in una sfida proprio contro i Wizards perse un dente dopo un contatto con un avversario. Con un invidiabile aplomb, raccolse il suo dente da terra e vinse l’incontro disputando un match formidabile con 33 punti 9 assist e 1 rimbalzo. Il dente raccolto lo avrà messo sotto al cuscino in attesa della fatina?

3. Sara Gama: il capitano della nazionale di calcio femminile italiana, durante l’ultimo Mondiale, ha perso un dente per via di un calcio sul viso ricevuto da una giocatrice giamaicana. Stoicamente la numero 3 non ha accennato a lamenti e ha terminato il match, uscendo dal campo vincitrice. In un’intervista nel post-partita dichiarò: “Come sta il mio dente? Vediamo dopo il check-up, non benissimo ma l’abbiamo sacrificato per il passaggio del turno”.

Sara Gama ha perso un dente durante una partita con la nazionale di calcio femminile

4. Elliot Yeo: nel 2014 la stella dei West Coast Eagles, squadra di prima divisione del football australiano, a soli 20 anni era già molto forte e promettente. Durante un match contro i Melbourne Cricket Ground perse due denti in uno scontro con un avversario, arbitri e giocatori gli diedero una mano a cercarli, ma senza risultati. In quel periodo si stava avvicinando il Natale e finita la partita sui social postò: “Tutto ciò che voglio per Natale sono i miei due denti”.    

5. Non solo professionisti: nel 2016, durante una partita di calcio di prima categoria in Campania, l’arbitro avrebbe perso un dente dopo aver usato il fischietto. Nel corso del primo tempo il direttore di gara ha così interrotto la partita chiedendo assistenza ai giocatori, che si sono improvvisati dentisti. Al termine di questa bizzarra scenetta, a causa del dolore, l’arbitro ha poi deciso di fischiare la fine della partita. La notizia è stata resa nota da una testata locale, ma per mezzo dei social ha superato i confini regionali, raggiungendo tutta Italia.

E tu pratichi sport? Hai mai avuto incidenti simili?

Affidati agli esperti Smile, è possibile valutare soluzioni che possano proteggere il tuo sorriso o migliorare malocclusioni e disallineamenti che rischiano di incidere negativamente anche sulla postura e sulle performance fisiche.
Inoltre è possibile tornare a masticare ciò che desideri e a ridere senza alcun imbarazzo grazie ai trattamenti di protesi e implantologia, ritrovando il sorriso perso ripristinando la naturale funzionalità ed estetica dei denti mancanti o danneggiati.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


tipologie-sorriso-1200x630.jpg
18/Set/2019

Quante tipologie di sorriso esistono?

Un proverbio cinese dice che “Un sorriso dura un istante. Il suo ricordo può durare tutta la vita”. Il sorriso è infatti il tratto distintivo di ogni persona, con i propri pregi e difetti, è un’espressione facciale spontanea e immediata, capace però di restare indelebile nella mente. È unico per ognuno di noi, ma è possibile dividere il sorriso in tipologie.

Rappresenta il modo più semplice e universale per comunicare una moltitudine di emozioni: quelle positive come la felicità, l’amicizia e il supporto emotivo, ma anche quelle negative come l’imbarazzo, lo scherno e l’indifferenza. È questo che lo rende lo specchio della nostra anima.

Quando una persona sorride mette in movimento tanti elementi del proprio viso, dalle sopracciglia al mento, passando dagli zigomi, le guance, le labbra e i ovviamente i denti. Quest’ultimi sono la vera essenza del sorriso, la parte più intima e profonda, quella che di solito è nascosta e che solo sorridendo manifestiamo.

Limitare il proprio sorriso significa rinunciare a esternare le proprie emozioni: fai in modo che inestetismi, spesso causa di timidezza e imbarazzo, non siano un problema. Rivolgiti a esperti per rendere i tuoi denti perfetti e invidiabili dalle persone che ti circondano, chiedi consiglio ai Centri Dentistici SMILE.

PRENOTA QUI

Classificazione e significati

Tra i milioni di sorrisi al mondo è possibile individuare 6 precise tipologie.

Diverse ragioni come le culture, le relazioni e le situazioni, influenzano il nostro modo di sorridere.

Grazie all’aiuto di recenti studi condotti dall’Università di Berkeley in California, sappiamo che sorridendo mettiamo in moto diversi muscoli del viso. A seconda delle circostanze, questi muscoli possono più o meno contrarsi, generando una varietà di tipologie di sorriso. Queste ricerche ne hanno individuate esattamente sei:

  1. Sorriso a bocca chiusa: è il sorriso più comune, che coinvolge tutto l’insieme dei muscoli del viso. Le labbra si curvano delicatamente, le guance si sollevano così che anche gli occhi sembrino sorridere. Ma attenzione, è un sorriso chiuso, non aperto, perciò dietro potrebbero nascondersi una moltitudine di sentimenti discrepanti come timidezza, felicità, confidenza e rabbia.
  2. Il sorriso genuino: detto anche “sorriso di Duchenne”, è la quintessenza del sorriso. Si tratta di un sorriso molto simmetrico e il suo nome deriva da un neurologo francese che scoprì un particolare genere di distrofia muscolare dell’infanzia. Essendo un sorriso spontaneo e genuino, proprio come quello di un bambino, questo sorriso prende il suo nome.
  3. Sorriso di incoraggiamento o ascolto: l’intento di questo sorriso è quello di rassicurare, si può confondere con quello a bocca chiusa, ma qui le labbra sono socchiuse e lasciate più rilassate.
  4. Sorriso compiaciuto: si esibisce quando si è felici per un successo personale o di una persona a cui vogliamo bene, è caratterizzato da un aspetto asimmetrico per il fatto che le labbra sono socchiuse ma tirate leggermente da una parte.
  5. Il sorriso falso: è il peggior sorriso, stravolge l’accezione etimologica del vocabolo, perché non corrisponde all’emozione che dovrebbe comunicare. È detto anche sorriso di cortesia, le labbra vengono aperte leggermente per mostrare i denti in un movimento meccanico e sbrigativo.
  6. Il sorriso asimmetrico: si esprime aprendo le labbra da un lato e lasciandole chiuse dall’altro. Anche questo è molto enigmatico perché può assumere significati differenti a seconda delle circostanze, dato che può esprimere sarcasmo, ansia o sostegno.

… e tu che sorriso sei?

Sei un solo sorriso, due… o tutti questi!

Vuoi scoprire di più sul tuo sorriso e come poterlo migliorare?

A noi dei Centri Dentistici SMILE piace quando puoi mostrare felicemente tutti i tuoi denti.
Non aspettare, progetta il tuo sorriso con Smile!

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


Smile_Sito_Blog_Slider_1200x630-sorriso-cristiano-ronaldo-1200x630.jpg
05/Set/2019

Cristiano Ronaldo, i segreti per un sorriso da campione

Vi siete mai chiesti come erano i personaggi famosi prima di diventarlo? È tipico dei VIP, ma anche dei campioni dello sport, sempre più presenti sulle copertine e molto seguiti sui social, cambiare frequentemente il proprio look. In alcuni casi si è assistito ad una vera e propria rivoluzione, uno degli esempi più sorprendenti è quello di Cristiano Ronaldo ed in modo particolare del suo sorriso, di cui oggi vi sveleremo i segreti.

Tutti lo conosciamo oggi come calciatore della Juventus con la fama di sex symbol, ma forse in pochi lo ricordano sulla fascia ai tempi dello Sporting Lisbona e ai primi anni a Manchester.

Le differenze confrontando il viso del Cristiano Ronaldo ventenne e quello del CR7 odierno sono innumerevoli, ma un dettaglio colpisce immediatamente l’attenzione: i denti. Dalla foto qui sotto si nota come fossero decisamente diversi da oggi: storti, gialli e distanziati. È stato proprio lo stesso calciatore ad ammettere l’imbarazzo, soprattutto quando, acquisita una certa notorietà per le sue prestazioni da fuoriclasse, si trovava davanti alle telecamere di tutto il mondo.

Fu proprio a causa di questo suo disagio che decise di investire sul suo sorriso, per trasformarlo e migliorarlo.

Tutto ciò ha portato questo campione a non essere soltanto una stella del calcio giocato, ma anche il simbolo e portavoce di un vero e proprio brand mondiale: CR7.

Le faccette in ceramica di CR7

Dopo aver intervistato un dentista a proposito del suo sorriso il Sun scriveva: “Ronaldo è arrivato al Manchester con l’apparecchio, denti radi e leggermente ingialliti. Dopo due anni, il suo sorriso è stato totalmente trasformato dalle faccette, che costano più di 800 euro al pezzo”.

Secondo questa e molte altre testimonianze, oggi sappiamo con certezza che i denti perfetti del trentaseienne portoghese sono il risultato di una serie di trattamenti di estetica dentale, in particolare, i segreti del sorriso di Cristiano Ronaldo sono le faccette estetiche, cioè l’applicazione di faccette odontoiatriche in ceramica.

Per faccette estetiche si intendono sottili lamine di ceramica o di resine composite che vengono applicate sulla superficie di denti sani per modificarne aspetto, colore e forma, talvolta anche per migliorare parametri occlusali.

Le faccette vengono cementate sulla superficie esterna del dente garantendo un miglioramento estetico senza pregiudicare la masticazione.

L’estetica dentale nei Centri SMILE

I Centri Dentistici SMILE, avvalendosi delle più moderne tecnologie e di laboratori odontotecnici specializzati presenti sul territorio, riescono ad offrire ai propri pazienti trattamenti estetici in un numero di sedute ridotto. Questo permette di contenere i costi e poter offrire il servizio al paziente ad un prezzo inferiore, come ad esempio un trattamento con 6 faccette in ceramica al costo di 600€ per elemento.

Vuoi sapere come avere il tuo sorriso che hai sempre sognato?

Trova il Centro SMILE più vicino a te e prenota un check-up con un nostro esperto.
Il sorriso è il tuo biglietto da visita, non nasconderlo a causa di inestetismi e lasciati alle spalle imbarazzo e disagi nelle relazioni.

PRENOTA UNA VISITA

Tempi di risposta brevissimi: lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato rapidamente

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy*

Maggiori Informazioni


Seguici su



Link utili


Privacy Policy Cookie Policy


Centri Dentistici Smile ©2019 All rights reserved SMILE Group Srl | Via Fontanile 3, 20093 Cologno Monzese (MI) | P. IVA 09756170966 | info@centri-smile.it