SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_07-1200x536.jpg
11/Nov/2020

PROCEDURE PREVENZIONE COVID-19
Andare dal dentista si può. Ed è sicuro! 

I Centri Dentistici SMILE sono regolarmente operativi, anche in questo particolare momento, in piena conformità al DPCM del 03 Novembre 2020.
SMILE resta al servizio della salute orale di tutti i pazienti.

Nel rispetto delle più precise procedure di sicurezza, continueremo a garantire elevati standard di igiene, sterilità e sanificazione che ci hanno sempre contraddistinto per contrastare il contagio da COVID-19.
Consentiamo a tutti nostri pazienti di proseguire senza interruzioni i piani di cura in corso e di iniziare nuovi percorsi per migliorare la qualità della propria vita.

È possibile prenotare un appuntamento e recarsi presso i nostri Centri Dentistici motivando lo spostamento per questioni di salute.
Se desideri, puoi richiedere al tuo centro SMILE di fiducia l’email di giustificativo, con data e ora del tuo appuntamento.

Le misure anti-contagio dei Centri Dentistici Smile

Tutti i membri dello staff e l’equipe di medici, odontoiatri ed igienisti, sono formati per attenersi alle norme introdotte con il protocollo anti-contagio in vigore da inizio dell’emergenza sanitaria, al fine di minimizzare il rischio di diffusione di covid-19.

Triage Telefonico e in Accettazione

Il giorno precedente all’appuntamento ogni paziente viene sottoposto a un triage telefonico in fase di conferma, durante il quale vengono poste una serie di domande mirate a prevenire l’ingresso in struttura a potenziali contagiati. Il questionario, che viene riproposto in forma cartacea all’ingresso nella struttura, indaga sullo stato di salute generale del paziente, su eventuali sintomi collegabili alla forma virale del Covid-19 e su contatti a rischio avvenuti negli ultimi 14 giorni.

Nel caso in cui un paziente risponda positivamente anche ad uno solo dei quesiti non viene ammesso al Centro SMILE e il suo appuntamento rimandato a distanza almeno di 2 settimane.

Termoscanner

Nei Centri SMILE è stata delimitata una zona di pre-ingresso entro la quale ciascuno paziente attende di essere sottoposto a rilevazione della propria temperatura corporea tramite termometro frontale. A chiunque dovesse essere rilevata una temperatura superiore a 37,5°C viene impedito l’accesso al Centro Dentistico e rimandato l’appuntamento.

Mascherina e Gel Igienizzante

Ciascun paziente deve sostare nelle aree dei Centri SMILE indossando una mascherina chirurgica. Qualora un paziente si presentasse sprovvisto all’appuntamento, attende nella zona di pre-ingresso che gliene venga fornita una dalla struttura.
Una volta verificata la possibilità di poter accedere, ogni paziente viene invitato a utilizzare la soluzione idroalcolica per igienizzare le mani messa a disposizione in reception. In alternativa può recarsi in bagno per effettuare un lavaggio secondo la procedura esposta.

Deposito Effetti Personali e Copriscarpe

Il paziente ripone negli appositi armadietti posti nella zona di ingresso tutti i propri effetti personali, quali borse, giacche e cappotti. In questo modo gli oggetti potenzialmente contaminati non vengono introdotti nell’area clinica del Centro Dentistico. Per accedere all’area operativa in totale sicurezza, al paziente vengono serviti anche dei copriscarpe monouso.

Sala d’Attesa e Distanze di Sicurezza

Le sale d’attesa dei Centri Dentistici SMILE sono state poste in sicurezza e adibite per accogliere un numero massimo di pazienti consentito in base alle loro dimensioni, impostando distanze di sicurezza minime di 2 metri.
Tutte le superficie delle aree comuni sono state rese sgombre e libere da materiali non indispensabili, quali riviste o fogli.

Gli accompagnatori, ad eccezione per i pazienti minori o disabili, sono invitati a restare all’esterno del Centro.

Dispositivi di Protezione

Tutto lo staff presente nei Centri SMILE, odontoiatri, operatori sanitari e personale amministrativo, ha in dotazione i dispositivi di protezione individuale adeguati per fronteggiare il rischio di contagio, come mascherine, visiere, camici monouso, occhiali e guanti.
La salute e la sicurezza nelle nostre strutture è sempre stato un pilastro della filosofia SMILE ed ancora di più in questo particolare momento rivolgiamo il nostro impegno quotidiano alla tutela di pazienti e operatori.

Sanificazione dei Locali

Riserviamo in agenda uno spazio adeguato tra un paziente e il successivo per permettere al personale di svolgere con cura tutte le fasi di sanificazione delle sale operative previste nei protocolli SMILE. Pulizia di tutte le superfici, sostituzione delle pellicole coprenti, disinfezione degli strumenti e svestizione del personale sanitario: tutte operazioni indispensabili per eliminare ogni eventuale traccia di virus.
 
Il tuo sorriso è importante, anche adesso! Per questo continuano a prendercene cura, in tutta sicurezza.


Affidati ad esperti e assicurati che vengano rispettati protocolli di qualità.
Prenota senza pensieri una visita di controllo accurata e approfondita, nei Centri Dentistici SMILE potrai godere di strutture sicure e personale qualificato per rispondere alle esigenze di tutti.

PRENOTA UNA VISITA

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_06-1200x536.jpg
06/Nov/2020

Implantologia Zigomatica:
una soluzione in mancanza di osso

Gli impianti dentali sono una soluzione per sostituire i denti persi, riabilitando le funzionalità della bocca e l’estetica del sorriso ripristinando denti fissi grazie a una protesi ancorata alla vite innestata nell’osso (l’impianto) che sostituisce la radice naturale del dente mancante.

È importante sapere che le ossa mascellari, una volta perso il sostegno dei denti naturali, tendono a ritirarsi e assottigliarsi rapidamente, già entro i 2 anni successivi. Per questo motivo è bene porre rimedio appena possibile per arrestare il processo di regressione, che comporta a un invecchiamento precoce del viso e soprattutto può rendere inefficaci le cure tradizionali  

Cosa fare se la struttura ossea della mascella è ormai compromessa e non consente il carico di un impianto?

A causa della mancanza di osso mascellare, cioè di atrofia, o per una scarsa qualità dell’osso presente, gli impianti tradizionali possono risultare una soluzione non percorribile, in quanto il rischio di insuccesso sarebbe alto. Oggi esistono moderne tecniche chirurgiche che offrono valide alternative agli innesti ossei o alle protesi mobili: la più comune è l’implantologia zigomatica.

Cosa sono gli impianti zigomatici?

Gli impianti zigomatici presentano delle differenze rispetto a quelli tradizionali in quanto devono innestarsi nell’osso dello zigomo, posto sull’arco osseo della guancia, e non in quello mascellare. Per questo motivo sono:

  • Più lunghi. Hanno una lunghezza che può arrivare fino ai 55mm, rispetto a quelli tradizionali che non superano i 2cm
  • Diagonali. Per osteointegrarsi nello zigomo devono essere posti in diagonale

Eseguire un trattamento di implantologia zigomatica richiede un attento studio e pianificazione accurata per posizionare gli impianti nella sede migliore in base al caso specifico di ogni paziente. In questo modo viene ridotto al minimo il rischio di insuccesso e garantito un comfort ottimale in seguito al caricamento della protesi fissa.

Quali sono i rischi e i disagi?

Il trattamento di implantologia zigomatica ha generalmente una durata di circa 2 ore, durante il quale il paziente viene sedato e sottoposto ad anestesia locale. È possibile ricorrere anche alla sedazione cosciente per affrontare l’intervento senza ansie e paura in completa serenità.

Le moderne tecniche e strumentazioni consentono di limitare i rischi di tale intervento chirurgico, anche se restano le possibili controindicazioni di un trattamento di implantologia tradizionale. È fondamentale innanzitutto affidarsi a un medico esperto e a strutture adeguatamente attrezzate ed assicurarsi di essere sottoposti ad un’approfondita anamnesi dello proprio stato di salute per identificare eventuali patologie che possano comportare rischi maggiori rischi. In alcuni casi, come per l’implantologia tradizionale, è infatti indispensabile determinare le giuste precauzioni per chi soffre di:

  • diabete scompensato
  • malattie del metabolismo osseo
  • gravi patologie al sistema cardiovascolare
  • disturbi di coagulazione del sangue

È il medico chirurgo in queste circostante a giudicare la fattibilità dell’intervento, analizzata personalmente e in base allo specifico caso.

Decorso post-operatorio

Gli impianti zigomatici vengono inseriti con la tecnica del carico immediato, che comporta una protesi provvisoria in bocca il giorno stesso dell’intervento chirurgico. È quindi possibile parlare e sorridere senza problemi e, con le dovute cautele, mangiare già dopo l’intervento.

Durante il decorso post-operatorio, il paziente deve attenersi alle raccomandazioni del medico per minimizzare le complicazione e i rischi di insuccesso. Tra le più importanti regole di comportamento, eliminare alcoolici e tabacco sono le fondamentali.

Una volta atteso la cicatrizzazione delle gengive e sopratutto la completa osteointegrazione degli impianti, viene caricata la protesi definitiva.

Quali sono i vantaggi?

Riepilogando, se le condizioni cliniche lo consentono, ricorrere agli impianti zigomatici per eseguire un trattamento di riabilitazione implantare può presentare una valida alternativa agli innesti ossei, al rialzo del seno mascellare e alle protesi mobili, portando numerosi vantaggi:

  • UN SOLO INTERVENTO CHIRURGICO
  • PROTESI FISSA IN POCHE ORE
  • ELEVATE PROBABILITÀ DI SUCCESSO
  • DISAGIO POST OPERATORIO CONTENUTO


Partecipa a SMILE DAY, la giornata organizzata da SMILE esclusivamente dedicata all’implantologia zigomatica.

Ti offriamo la possibilità di eseguire una visita completa ed approfondita con il Dott. Matteo Giorgi, esperto chirurgo maxillo-facciale con numerosi casi di successo. La visita è comprensiva di esami radiologici, come la TAC 3D, se necessari per quadro clinico completo, che è possibile eseguire direttamente in studio.

PRENOTA adesso la tua partecipazione, ti costa solo pochi click!

PRENOTAZIONE ONLINE

Seleziona l’orario, inserisci i tuoi dati e verrai contattato per organizzare la tua visita.


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_05-1200x536.jpg
14/Ott/2020

Rischi dell’implantologia:
tu
tto quello che devi sapere prima dell’intervento

Sottoporsi ad un intervento chirurgico è spesso causa di ansie e nei casi di implantologia dentale sappiamo per esperienza che in alcuni pazienti si insinuano anche altre paure legate alle complicanze post-operatorie. Da una parte ci sono quindi i timori per un intervento doloroso, dall’altra la preoccupazione di una degenza lunga, difficoltosa e col rischio che gli sforzi vengano vanificati da rigetto o allergia all’impianto.

Ma non è tutto vero, sono false credenze che possono creare dei blocchi psicologici e impedire a molte persone di avere accesso a quella che sarebbe per loro la soluzione ottimale. In questo articolo i nostri esperti SMILE faranno chiarezza su quali sono i reali rischi e controindicazioni degli impianti dentali.

Innanzitutto è bene sapere di cosa si parla quando ci riferiamo agli impianti dentali. L’impianto è una piccola vite, realizzata in titanio, un materiale particolarmente resistente e biocompatibile con l’organismo umano, che deve essere innestato nell’osso mascellare o mandibolare per sostituire la radice del dente mancante. Questa vite ha infatti la funzione di sostegno per la corona, l’elemento che riproduce le funzioni e l’estetica del dente naturale perso.

La fase più delicata di un trattamento di implantologia dentale è proprio l’osteointegrazione dell’impianto, che richiede generalmente dai 3 ai 6 mesi di attesa prima di poter applicare la protesi, salvo procedere con la tecnica del carico immediato.

Al giorno d’oggi, al di là della complessità dell’intervento, l’implantologia dentale ha un’elevata percentuale di successo, che la rende una soluzione sicura, affidabile e molto diffusa nei casi di edentulia parziale o totale.

Chi può sottoporsi a un intervento di implantologia dentale?

Previa una visita di controllo con uno specialista, eventuali esami radiologici approfonditi, quasi tutte le persone possono sottoporsi all’implantologia dentale. Anche nel caso di assenza di osso è possibile ricorrere agli impianti dentali grazie a tecniche e materiali specifici.

Patologie e controindicazioni

Un’anamnesi accurata dello stato di salute generale è sempre fondamentale per individuare eventuali patologie che possano avere controindicazioni. Ad esempio, è indispensabile un’attenta valutazione medica al fine di determinare le giuste precauzioni per chi soffre di:

  • diabete scompensato
  • malattie del metabolismo osseo
  • gravi patologie al sistema cardiovascolare
  • disturbi di coagulazione del sangue

In queste circostanze, la fattibilità dell’intervento è sempre giudicata dal medico chirurgo e viene analizzata singolarmente caso per caso.

Un trattamento di implantologia, anche se mini-invasivo, richiede inoltre di sottoporsi sempre ad anestesia locale che, come in tutti gli interventi chirurgici, comporta alcune controindicazioni. Per i pazienti odontofobici, viene consigliata anche la sedazione cosciente.

Infine, nella fase post-operatoria, si possono invece avvertire gonfiori, lividi, formicolii e sanguinamento.

Esiste il rigetto degli impianti dentali?

Chiariamolo subito: il rigetto non esiste. Si parla di rigetto quando un organo trapiantato viene attaccato dal sistema immunitario che lo riconosce come estraneo all’organismo, pertanto con un impianto dentale, un elemento inerte, non può accadere. È più corretto parlare di insuccesso, cioè fallimento implantare.

I motivi del fallimento implantare

Come spiegato, non c’è possibilità di rigetto ne di allergia. Quando si verifica un insuccesso, che causa la perdita precoce o tardiva dell’impianto, le cause sono imputabili all’operatore. La percentuale è quindi soggettiva e varia per ogni medico chirurgo, ma è bene sottolineare che in ogni caso è molto raro. Il motivo più comune è la mancata osteointegrazione della vite come conseguenza di

  • infezione batterica dei tessuti adiacenti all’impianto, dovuta a un mancato rispetto rigoroso dei protocolli di sterilità
  • valutazione errata da parte del chirurgo circa la quantità e qualità di osso presente
  • tempistiche non rispettate per una completa osteointegrazione, anticipando eccessivamente il carico della protesi su impianti non ancora stabili 
  • materiali scadenti utilizzati durante l’intervento

Un medico esperto, prestando attenzione sin dalla valutazione clinica iniziale e fornendosi di strumenti di qualità, riduce al minimo i rischi di insuccesso.

Come ci si prepara a un intervento di implantologia?

Norme di comportamento prima e dopo l’intervento

Anche il paziente deve fare la sua parte, nella fase pre e post intervento, al fine di aumentare le possibilità di buona riuscita. Grazie agli esperti SMILE che hanno scritto la GUIDA COMPLETA sulle modalità di comportamento potrai minimizzare le complicanze post operatorie.

Contattaci per richiedere la Guida nella quale troverai

  1. consigli sulla preparazione all’intervento
  2. informazioni sull’alimentazione
  3. elenco farmaci non consentiti
  4. avvertenze generali e divieti
  5. istruzioni per l’igiene domiciliare

Affidati ad esperti e assicurati che vengano utilizzati solo materiali di qualità e altamente bio-compatibili, il traguardo sarà un nuovo sorriso e la possibilità di tornare a mordere la vita senza pensieri. Inizia con una visita di controllo accurata e approfondita, nei Centri Dentistici SMILE potrai godere della comodità di sottoporti ad eventuali esami radiologici direttamente nella stessa struttura.

PRENOTA UNA VISITA

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_04-1200x536.jpg
16/Set/2020

Cos’è la sedazione cosciente e chi può farla?

Affrontare la paura del dentista non è sempre facile, l’odontofobia colpisce un gran numero di persone e può essere causa di patologie al cavo orale trascurate e non curate. Col tempo, ciò che può essere un leggero arrossamento alle gengive, si può aggravare in parodontite. Così come carie o ascessi possono essere conseguenza dell’accumulo di tartaro e placca non rimossi tramite una seduta di igiene dentale professionale.

Ansie, paure e disagi possono essere ridotti o completamente eliminati grazie alla tecnica della sedazione cosciente, particolarmente indicata proprio per pazienti odontofobici: durante interventi di chirurgia orale, per otturazioni, devitalizzazioni o pulizie dentali approfondite, con questa tecnica anestetica il paziente può rilassarsi restando cosciente e senza avvertire alcun dolore.

In cosa consiste la sedazione cosciente?

Procedura

La sedazione cosciente richiede la presenza di un medico o di un anestesista e prevede la somministrazione di diversi farmaci in base al metodo con cui viene indotta. Le principali metodologie sono le seguenti:

  • Endovenosa, con l’iniezione di benzodiazepine
  • Per inalazione tramite mascherina facciale, in un mix di protossido di azoto e ossigeno,
  • Via orale, con l’assunzione di farmaci della categoria delle benzodiazepine

La procedura è molto semplice e generalmente viene eseguita direttamente sulla poltrona dentistica: dopo essersi accomodati, si riceve la sedazione cosciente tramite uno dei metodi sopracitati ed in seguito si attende l’effetto dei farmaci, che può variare da pochi minuti (tramite iniezione ed inalazione) a 30-60 (via orale).

Prima e durante il trattamento, il medico monitora la pressione sanguinea ed il respiro.

Effetti e controindicazioni

La sedazione cosciente è una tecnica sicura, il che la rende adatta a quasi tutti i tipi di pazienti ed in particolare ai bambini, anche i più piccoli. Può essere praticata nei pazienti ansiosi, cardiopatici, ipertesi o anche epilettici e si rileva molto utile. Gli effetti sulla persona sono infatti:

  • rilassamento, benessere e serenità
  • controllo ed eliminazione del dolore
  • stato di coscienza (si resta svegli e vigili)

Al termine del trattamento, l’effetto scompare rapidamente, il che rende il paziente in grado di poter fare rientro a casa in autonomia.

Questa tecnica ha alcune controindicazioni, se somministrata tramite inalazione, nel caso di difficoltà respiratorie, bronchiti croniche o sinusite. Il protossido d’azoto ha il vantaggio di essere totalmente anallergico.

Si registrano alcuni effetti collaterali, che dipendono da persona a persona, riassumibili in:

  • brevi amnesie
  • rallentamento dei riflessi
  • mal di testa
  • spossatezza
  • formicolio alle estremità, come mani e piedi

Dimentica ansie e dolore! Affidati ai Centri Dentistici SMILE e potrai contare sulla professionalità dei medici e sulle tecnologie più avanzate per vivere in sicurezza e tranquillità anche i trattamenti più complessi.

Non rinunciare alla salute dei tuoi denti e a mostrare un sorriso bello e sano per la paura del dentista. Riabilita adesso le funzionalità della tua bocca: anche in caso di denti mancanti, possiamo trovare la soluzione migliore.

PRENOTA UNA VISITA

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_03-1200x536.jpg
15/Set/2020

Impianti dentali senza osso: è possibile!

Sostituire i denti persi in seguito ad un’estrazione, a degli eventi traumatici o a causa di gravi patologie come la piorrea, è fondamentale per ripristinare tutte le funzionalità del cavo orale e consentire di avere un adeguato stile di vita senza rinunciare a:

  • mangiare qualsiasi cibo ed alimento
  • masticare correttamente ed agevolare la digestione
  • mantenere una buona estetica del viso e una fisionomia giovane
  • avere una corretta pronuncia e fonetica

Per tutti questi motivi, i denti fissi risultano essere sempre la soluzione migliore e definitiva, garantendo piena stabilità alla protesi grazie all’innesto osseo degli impianti dentali.

Ma cosa fare quando manca osso?

La rigenerativa ossea

I progressi della chirurgia consentono di ricorrere a questa tecnica che permette di ripristinare un adeguato supporto agli impianti dentali anche nei casi in cui l’osso mascellare e/o mandibolare risulti insufficiente per procedere con l’inserimento delle viti. La rigenerativa ossea è un intervento chirurgico che viene eseguito in anestesia locale e consiste nell’innesto osseo che può essere eseguito con vari metodi: 

  • Eterologo. Il materiale osseo che viene innestato ha origine esterna, del tutto compatibile con l’organismo umano e con una mini probabilità di rigetto, talvolta anche di natura sintetica
  • Autologo. L’osso viene ricavato dallo stesso paziente mediante un’operazione chirurgica durante la quale viene eseguito il prelievo

Entrambi i metodi hanno alte garanzie di successo, è in fase di diagnosi che viene valutata insieme al dottore la soluzione ideale. Lo stato di salute del paziente condiziona anche i tempi di ripresa, che possono estendersi sino ai 6 mesi per una completa rigenerazione ossea.

È sempre importante rivolgersi a centri specializzati per avere diagnosi e piani di cura accurati, così da poter sfruttare i vantaggi che questa tecnica offre:

  • poter inserire gli impianti dentali e riabilitare il proprio cavo orale con una protesi fissa
  • riacquisire le funzionalità complete con una nuova dentatura
  • conservare la propria fisionomia e contrastare l’invecchiamento del viso

Nuove tecniche implantari

In determinate condizioni è possibile valutare anche alternative agli innesti ossei grazie a moderne tecniche implantari:

  • Zigomatica
  • Obliqua
  • Pterigoidea

Queste tecniche sfruttano l’osso presente in altre sedi anatomiche e gli impianti utilizzati hanno caratteristiche diverse da quelli tradizionali, presentando generalmente una lunghezza maggiore. Queste soluzioni consentono di ridurre i tempi di attesa non dovendo ricorrere alla rigenerativa, ma devono essere valutate attentamente dal medico chirurgo in fase di diagnosi.

In centri dentistici specializzati come SMILE è sempre possibile ricercare una soluzione per avere denti fissi, perché gli impianti sono la soluzione migliore in caso di sostituzione di denti mancanti.
Affidati ad esperti e assicurati che vengano utilizzati solo materiali di qualità e altamente bio-compatibili, il traguardo sarà un nuovo sorriso e la possibilità di non rinunciare più a nulla.

PRENOTA LA TUA PRIMA VISITA

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_02-copia-1200x536.jpg
14/Set/2020

Gli impianti dentali sono la soluzione migliore

I denti presenti nel cavo orale di una persona adulta sono 32, compresi i cosiddetti denti del giudizio, che in totale sono 4. La natura umana prevede che ogni dente sia sostenuto da una sua radice, per consentire all’elemento stesso piena funzionalità nella masticazione.

Quando si perdono uno o più denti, la soluzione migliore, nonché la più vicina alla condizione biologica prevista dalla natura umana, è proprio quella di sostituire la radice naturale. Questo è possibile innestando una vite in titanio che ne riproduce le stesse funzioni: è l’impianto dentale.

È molto frequente, anche tra i pazienti che si rivolgono ai nostri Centri SMILE, riscontrare però la preferenza per una riabilitazione con protesi mobile. È importante sapere che questo significa però scegliere di investire tempo e denaro in una soluzione come la dentiera che mai potrà essere in grado di imitare ciò di cui ci ha dotato la natura.

Questo è dovuto principalmente a false credenze, che proveremo a smentire grazie ai consigli dei nostri esperti.

Sfatiamo 4 falsi miti sull’implantologia:

  1. “Posso stare anche così, mastico lo stesso”

    Questa è senza dubbio l’obiezione più pericolosa. È vero, riuscirai a masticare lo stesso, oggi. Ma domani? È importante sapere che l’assenza di uno o più denti comporta diverse conseguenze, anche gravi, sullo stato della bocca, come:

    • la perdita di osso, che può esser causa in futuro della mobilità di altri elementi ad oggi sani
    • l’alterazione della struttura del viso, provocando anche un invecchiamento precoce
    • i disturbi temporo mandibolari
    • l’estrusione dei denti antagonisti

    Non porre rimedio tempestivamente, o prediligere una soluzione non definitiva, riserva un futuro incerto e spesso con risvolti più gravi dello stato di salute attuale.

     

  2. “Mi hanno detto che non ho osso per inserire gli impianti”

    È possibile che, in particolari situazioni, non ci sia osso sufficiente per poter procedere con l’intervento. Ma c’è una buona notizia: esistono tecniche per poterlo rigenerare, garantendo l’inserimento degli impianti in qualunque condizione. La rigenerativa ossea è infatti una moderna tecnica chirurgica che offre la possibilità di trovare una soluzione per la correzione dei difetti ossei.
    In altri casi è possibile invece ricorrere ad altre soluzioni sfruttando i progressi dell’implantologia e delle tecnologie al servizio dell’odontoiatria: per esempio, l’utilizzo degli impianti dentali più corti, inclinati o zigomatici, non richiede la presenza di osso.
    In conclusione, è sempre possibile procedere ad un intervento di implantologia, l’importante è saper scegliere il giusto dentista a cui rivolgersi per avere la soluzione più adatta al tuo caso.

     

  3. “Ho paura, non me la sento di sottopormi ad un intervento doloroso”

    È opinione comune che l’intervento di implantologia sia il più terrificante di tutti. Si temono forte dolore durante e dopo l’intervento, una guarigione lunga e senza la possibilità di mangiare per giorni. Niente di tutto ciò è vero: in realtà, l’intervento risulta totalmente indolore svolgendosi completamente sotto anestesia locale. Al massimo, il paziente può avvertire un senso di fastidio, ma non si tratta di un vero e proprio dolore.
    Inoltre, per i più emotivi è prevista la soluzione della sedazione cosciente, una tecnica di anestesia che permette al paziente di sottoporsi all’intervento in una condizione di rilassamento e controllo del dolore.

     

  4. “Gli impianti dentali costano troppo”

    Si tende a pensare che il costo di una soluzione fissa sia di gran lunga superiore a quello di una mobile. Non è del tutto sbagliato, ma quello che non si conosce è che grazie all’impiego di moderne tecnologie è possibile ridurre di molto il prezzo della terapia.
    Il costo non è un’obiezione clinica, ma finanziaria. Per questo è utile per il paziente potersi consultare con un esperto in grado di consigliargli la soluzione economica migliore per procedere con la riabilitazione in tutta serenità: nei Centri SMILE troverai sempre un consulente a tua disposizione.

Gli interventi di implantologia dentale sono una routine per i medici odontoiatri dei nostri Centri Dentistici e, grazie alle nuove tecniche e all’utilizzo di materiali di qualità, l’intervento risulta rapido ed indolore.
Ad oggi la riabilitazione fissa su impianti è l’unica soluzione che consente di poter riacquistare estetica, di parlare liberamente senza difficoltà di pronuncia e di tornare a masticare con facilità e sicurezza.

VUOI PRENOTARE UNA VISITA O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE_Sito_Blog_IMG_2020_01-1200x536.jpg
20/Lug/2020


GUIDA agli
IMPIANTI DENTALI




Tutto quello che c’è da sapere sull’implantologia

L’impianto dentale è una piccola vite utilizzata per sostituire la radice di un dente perso a causa di un trauma o in seguito a un’estrazione. L’impianto è realizzato in titanio per essere totalmente biocompatibile. Grazie a queste caratteristiche la vite si integra perfettamente con l’osso così da svolgere a pieno la funzione di sostegno per la corona dentale, cioè la parte esterna del dispositivo protesico che sostituisce il dente mancante.

Nello specifico, per ricostruire interamente la struttura di un dente, dalla radice alla corona, le componenti utilizzate sono 3:

  1. l’impianto dentale o vite endossea
  2. abutment
  3. corona dentale

L’abutment è il perno moncone a cui viene cementata o avvitata la corona, può essere in lega di titanio oppure in zirconio di colore bianco, con un risultato estetico molto apprezzabile. L’abutment in zirconio è infatti particolarmente indicato per la sostituzione di denti anteriori, dove i colletti gengivali grigi potrebbero risultare più esposti e visibili, quindi antiestetici. 

La corona dentale può essere inserita sul moncone con due modalità:

  • avvitata, tramite una vite passante, cioè la vite di giunzione
  • cementata, grazie all’utilizzo di cementi

È il medico odontoiatra a stabilire con quale metodo procedere, entrambi sono validi e sicuri.

L’impianto dentale può essere impiegato in sostituzione di un singolo dente perso, fino ai casi di edentulia totale, cioè mancanza completa dell’arcata dentale. I progressi della chirurgia offrono infatti diverse soluzioni sicure per ripristinare le funzioni del cavo orale, con risultati a lungo termine e senza gravare sui denti sani: è importante sottoporsi prima di un intervento a una diagnosi completa ed approfondita per valutare con attenzione la scelta migliore per il proprio caso specifico.

QUALI SONO I VANTAGGI?

Sono molteplici i vantaggi degli impianti dentali, non solo dal punto di vista estetico, ma anche per la salute orale e il benessere generale della persona.

Oltre agli evidenti inestetismi dovuti alla perdita di uno o più elementi dentali, che portano fino all’invecchiamento precoce del viso, le conseguenze che una mancanza dentale può causare sono gravi sopratutto ai danni della salute ossea, della masticazione  e della digestione, per questo è fondamentale riabilitare le funzionalità della bocca e non trascurare nel tempo questo difetto.

In corrispondenza di una mancanza, l’osso tende ridursi, per questo è necessario intervenire tempestivamente. Inoltre gli elementi dentali adiacenti tendono a spostarsi e ad essere meno stabili, causando malocclusioni e generando problemi di masticazione che possono indurre la persona ad escludere determinati alimenti dalla dieta alimentare, condizionando la propria salute. Gli impianti dentali possono essere una soluzione a tutte queste problematiche, ripristinando non solo l’estetica ma anche la completa funzionalità della bocca: denti fissi, forti e un aspetto del tutto naturale ed estetico.

CHE TEMPISTICHE SONO RICHIESTE?

Il trattamento di implantologia per sostituire uno o più denti mancanti può richiedere tempistiche differenti in base alla complessità del caso specifico e quindi alla soluzione che il medico odontoiatra valuta di adottare: le cause della perdita del dente, il numero complessivo di impianti da innestare, la qualità e la quantità di osso naturale residuo sono tutti fattori che influenzano la scelta e quindi i tempi necessari.

Mediamente non sono richiesti più di 5 appuntamenti per completare il trattamento, dalla visita di controllo per effettuare la diagnosi completa di esami radiologici fino all’ultimo appuntamento di controllo sul lavoro definitivo.

Le variabili nelle tempistiche possono essere determinate innanzitutto dal tipo di carico individuato: carico differito o carico immediato. Nel primo caso, il piano di cura si svolge in due differenti fasi:

  1. inserimento dell’impianto in titanio nell’osso e attesa della completa osteointegrazione, periodo in cui viene inserita una vite di guarigione per la chiusura dell’impianto
  2. posizionamento della protesi definitiva al termine del periodo di guarigione, necessario affinché la vite si stabilizzi nell’osso e possa sostenere con forza la protesi.

Se le condizioni cliniche del paziente lo consentono, si può adottare la tecnica del carico immediato che ottimizza i tempi posizionando la protesi nell’arco di 24-36 ore dall’inizio dell’intervento. La protesi è provvisoria e dopo circa 3-4 mesi verrà sostituita con quella definitiva.

A influenzare le tempistiche, in caso di carico differito, sono i tempi di guarigione che differiscono da ogni paziente. In genere possono variare dai 3 ai 5 mesi, nei casi più semplici anche solo 60 giorni. 

Le variabili nelle tempistiche possono essere determinate innanzitutto dal tipo di carico individuato: carico differito o carico immediato. Nel primo caso, il piano di cura si svolge in due differenti fasi:

  1. inserimento dell’impianto in titanio nell’osso e attesa della completa osteointegrazione, periodo in cui viene inserita una vite di guarigione per la chiusura dell’impianto
  2. posizionamento della protesi definitiva al termine del periodo di guarigione, necessario affinché la vite si stabilizzi nell’osso e possa sostenere con forza la protesi.

Se le condizioni cliniche del paziente lo consentono, si può adottare la tecnica del carico immediato che ottimizza i tempi posizionando la protesi nell’arco di 24-36 ore dall’inizio dell’intervento. La protesi è provvisoria e dopo circa 3-4 mesi verrà sostituita con quella definitiva.

A influenzare le tempistiche, in caso di carico differito, sono i tempi di guarigione che differiscono da ogni paziente. In genere possono variare dai 3 ai 5 mesi, nei casi più semplici anche solo 60 giorni. 

QUALI RISULTATI SI POSSONO OTTENERE?


RIABILITAZIONE IMPLANTARE


Sostituzione di un dente perso a causa di evento traumatico con impianto singolo in titanio biocompatibile.




RIABILITAZIONE IMPLANTARE


Intervento chirurgico con innesto osseo di 4 impianti e carico in un solo giorno della protesi per l’intera arcata.




RIABILITAZIONE IMPLANTARE


Recupero funzionale di entrambe le arcate con protesi fisse su impianti ed evidente ringiovanimento del viso.




RIABILITAZIONE IMPLANTARE


Intervento chirurgico con innesto osseo di 4 impianti e carico in un solo giorno della protesi per l’intera arcata.


VUOI PRENOTARE UNA VISITA?

Lasciaci i tuoi contatti e verrai richiamato a breve

Scegli il centro*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*


Maggiori Informazioni


SMILE-Blog-Denti-Nutrizione-1024x737.jpg
04/Nov/2019

In cucina con il dentista

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo

In questa frase di Ippocrate, considerato il padre della medicina nella Grecia antica, è riassunto il forte legame tra medicina e nutrizione, che non è certo una scoperta del ventunesimo secolo.

L’alimentazione è quindi indispensabile anche per la salute della nostra bocca e dei nostri denti, per questo nei Centri Smile suggeriamo una vera e propria dieta del sorriso! 

[us_btn label=”Contatta il Centro SMILE più vicino a te” link=”url:https%3A%2F%2Fcentri-smile.it%2Fi-nostri-centri%2F|title:I%20nostri%20centri||” align=”center”]

In generale, ma ancor più nello specifico periodo post cure odontoiatriche, i nostri medici consigliano un regime alimentare preciso.  la nostra bocca infatti è paragonabile ad un delicato ecosistema dove, per mantenere inalterato il suo equilibrio è necessario porre particolare attenzione, specialmente sulla scelta dei cibi da ingerire.

Attenzione agli zuccheri!

Nella nostra bocca risiedono numerose specie di batteri, responsabili della placca:

se non curata con attenzione, si corre il rischio di formazione della carie, conseguenza di un processo che trasforma lo zucchero presente in molti alimenti in un acido in grado di aggredire lo smalto dei denti.

Per evitare il “rischio carie” due regole primarie, chiare e semplici:

  1. limitare l’assunzione di cibi e bevande con un alto contenuto di zuccheri
  2. spazzolare sempre i denti alla fine di ogni pasto e ogni spuntino, anche se breve.

È bene ricordare a proposito che non è tanto la quantità di zuccheri a provocare la carie, ma la frequenza di assunzione.

Cosa non deve mai mancare

Per aiutare la prevenzione di patologie come gengiviti e malattie parodontali, oltre ad una attenta igiene orale, è consigliato seguire un’alimentazione nella quale non possono mancare:

  •         Magnesio
  •         Calcio
  •         Zinco
  •         Ferro
  •         Manganese
  •         Selenio
  •         Vitamine C, E ed A

Una dieta con il giusto equilibrio di questi elementi, impedisce un calo delle difese immunitarie ed evita conseguenze dannose per tutto il nostro organismo, denti e bocca compresi.

Accorgimenti per i più piccoli

Il legame tra denti e nutrizione ci accompagna per tutta la vita, a partire dai primi dentini “da latte”.

Anche durante la permuta dei denti, con l’eruzione di quelli definitivi, è consigliata la somministrazione di cibi e bevande con particolari consistenze e temperature che aiutino ad alleviare il dolore di cui il bambino può soffrire, per esempio:

  •         Ghiaccioli
  •         Cubetti di ghiaccio divisi in pezzi più piccoli da sciogliere in bocca
  •         Verdure crude e fredde come il finocchio e la carota

Il freddo ha infatti un effetto anestetico, quindi utili nella fase del “taglio” della gengiva da parte dei denti.

Ricordiamoci che molte delle abitudini alimentari completamente errate e dannose per l’equilibrio della nostra bocca vengono apprese da piccoli, quindi… proteggi il tuo bambino oggi per la sua salute di domani!

Se questo articolo ti è sembrato interessante, dai un’occhiata al nostro Blog e scopri altre curiosità sul mondo dell’odontoiatria e non solo!

[us_btn label=”Sfoglia il Blog di Smile” link=”url:https%3A%2F%2Fcentri-smile.it%2Fblog%2F|title:I%20nostri%20centri||” align=”center”]


SMILE-Blog-Fashion-Week-Fashion-Smile-1024x737.jpg
21/Ott/2019

Fashion Week… Fashion Smile

A diverse settimane dal termine della celebre Fashion Week che si è tenuta a Milano, noi dei Centri Smile abbiamo fatto una rassegna dei migliori sorrisi delle star che hanno partecipato all’evento.

Durante la Settimana della Moda, passerelle e abiti di tendenza sono sotto l’obiettivo di ogni critico, ma i nostri cacciatori di sorrisi si sono focalizzati sui volti e le espressioni che questo evento è in grado di regalare.

E se guardiamo le modelle in passerella, volto serio e sguardo deciso…beh, non ne troveremo neanche uno!

 

I sorrisi dei VIP 

Dalla passerella al Red Carpet, è lì che il sorriso fa la differenza! 

Splendenti e radiosi quelli dei numerosi personaggi famosi e ospiti d’onore invitati da tutto il mondo.

Il risultato è stato un successone!

Fotografi a caccia dello scatto più esclusivo e VIP pronti a farsi immortalare con i lori profili migliori: abbiamo deciso di raccogliere i più sgargianti in un book fotografico che li manda di diritto nell’Olimpo dei sorrisi perfetti della Fashion Week.

Scopriteli con noi!

?
?
?
?
?

 

Vi siete mai chiesti come fanno ad avere un sorriso così Bianco? 

Vieni a Scoprirlo nei Centri Dentistici Smile.

Prenota una prima visita con igiene ad Euro 29 con uno dei nostri igienisti. Potrai ricevere gratuitamente tutti i suggerimenti necessari per mantenere un sorriso bianco e splendente

[us_btn label=”Prenota online la tua visita” link=”url:https%3A%2F%2Fcentri-smile.it%2Fi-nostri-centri%2F|title:I%20nostri%20centri||” align=”center”]


SMILE_Sito_Blog_IMG_20191003_InciDenti_Sport-1024x737.jpg
02/Ott/2019

Sport e denti, una relazione a volte difficile…

Come tutti sappiamo lo sport è un valido alleato della nostra salute, ci fa sentire meglio, più tonici e in forma; aiuta il rilascio delle endorfine, che migliora il nostro umore e ci regala quella sensazione di benessere tipica di quando si è appena finito di fare attività sportiva.

Fino a qui tutto bene, ma i dentisti dei Centri Smile ci mettono in guardia …

… in alcune situazioni, presta attenzione ai denti! 

 

Top Five degli “inciDenti” più memorabili 

1.Aleksandar Kolarov: l’episodio risale al 2016, l’allora giocatore del Manchester City, attualmente in forza alla Roma, durante un derby contro il Manchester United, a causa di uno scontro con un avversario perse un incisivo, ma terminò l’incontro uscendone vincitore. Al momento del rientro negli spogliatoi il secondo portiere dei “citizens”, Willy Caballero lo immortalò in una fotografia che postò sui social con la frase: “Partita incredibile, vittoria per 2-1 contro lo United! In questa foto uno dei miei guerrieri. Riuscite a trovare l’unica cosa che ha perso oggi?”

 

 

2.Isaiah Thomas: siamo nel 2017, il cestista statunitense, attualmente  professionista nella NBA con i Washington Wizards, due anni fa militava per i Boston Celtics, e durante una sfida proprio contro i Wizards, perse un dente dopo un contatto con un avversario.Con un’ invidiabile aplomb, raccolse il suo dente da terra (forse per metterlo sotto il cuscino in attesa della fatina?) e vinse l’incontro disputando un match formidabile con 33 punti 9 assist e 1 rimbalzo.

3.Sara Gama: il capitano della nazionale di calcio femminile italiana, durante l’ultimo mondiale, evento che ha riscosso molto successo nel nostro paese, ha perso un dente per via di un calcio sul viso sferratole da una giocatrice della nazionale giamaicana. Stoicamente la numero 3 non ha accennato a lamenti e ha terminato la partita, uscendo dal campo vincitrice.                                                                                                                            Al termine della partita, in un’intervista l’italiana dichiarò: “come sta il mio dente? Vediamo dopo il check-up all’ospedale, non benissimo ma l’abbiamo sacrificato per il passaggio del turno”.      

4.Elliot Yeo: nel 2014 la stella dei West Coast Eagles, squadra di prima divisione del football australiano, aveva 20 anni ma era già molto forte e promettente. Durante un match contro i Melbourne Cricket Ground perse due denti in uno scontro con un avversario, arbitri e giocatori gli diedero una mano a cercarli, ma senza risultati.                  In quel periodo si stava avvicinando il Natale e finita la partita sui social postò: “tutto ciò che voglio per Natale sono i miei due denti”.    

5.Non solo professionisti: nel 2016, durante una partita di calcio di livello amatoriale, della prima categoria di una provincia campana, l’arbitro avrebbe perso un dente dopo aver usato il fischietto regolamentare. Nel corso del primo tempo il direttore di gara ha così interrotto la partita chiedendo assistenza ai giocatori, che si sono improvvisati “dentisti”. Al termine di questa bizzarra scenetta, a causa del dolore, l’arbitro ha poi deciso di fischiare la fine della partita. La notizia è stata resa da una testata locale, ma per mezzo dei social ha superato i confini regionali, raggiungendo tutta Italia.

 

E tu pratichi sport? Hai mai avuto incidenti simili?

Affidati agli esperti Smile per tornare a masticare ciò che desideri e a ridere senza alcun imbarazzo: grazie all’implantologia puoi ritrovare il sorriso perso!

[us_btn label=”Clicca qui per maggiori informazioni” link=”url:https%3A%2F%2Fcentri-smile.it%2Friabilitazione-implantare%2F|title:I%20nostri%20centri||” align=”center”]


Inizia il tuo progetto per un sorriso migliore


I Nostri Centri


Milano Affori

Via Brusuglio, 71


02 3668 4821


affori@centri-smile.it



Bollate

Via IV Novembre, 10


02 3598 4652


bollate@centri-smile.it



Cologno Monzese

Via Fontanile, 3


02 800 16476


cologno@centri-smile.it



Seregno

Via G. Garibaldi, 125


0362 154 7740


seregno@centri-smile.it


Seguici su


Centri Dentistici Smile ©2019 All rights reserved Elve Group Srl | Corso del Popolo 56, 20831 Seregno (MB) | P. IVA 09756170966 | info@centri-smile.it